Leonardo Da Vinci

Sculptures

Leonardo da Vinci Sculptures

Leonardo da Vinci was a highly talented sculptor although this medium is lesser known within his overall career due to a lack of output

Da Vinci’s work within this field would advance his paintings and drawings, as well as vice versa.

The other Renaissance masters of Raphael and Michelangelo would also specialise more in some mediums than others.

Leonardo devoted much of his time to preparatory sketches for two specific sculptural artworks, namely his bronze equestrian statue for Francesco Sforza and also a monument for Marshal Trivulzio.

Neither of these two projects would ever be completed, due to a number of different reasons. The deep level of planning that Da Vinci would go into for these planned pieces is underlined by how he would even design the vehicles that would carry the completed works to their final display positions.

We are left contemplating what might have been with his work in this genre, causing most focus to remain in the present day on his paintings and drawings.

There is also continued discussion of what legacy may have been left had these sculptures been completed, but most art historians agree that they would be unlikely to have achieved the same academic respect as Michelangelo’s Pieta and David, for example. Most feel this was not his strongest discipline.

With no completed sculptures to display, this section outlines the series of study sketches that he completed for the Sforza and Trivulzio monuments as well as describing how other, more recent artists, have taken inspiration from his career in order to produce their own sculptures.

Besides the monuments found here, Leonardo da Vinci would continue to use horses in much of his work. He found these animals enchanting and beautiful, perfectly suited to his style and qualities as an artist.

There is also a strong crossover between his work on the human anatomy and his studies of the horses found here.

 

Aside from his own contributions to this medium, many others have also taken on his work to create their own inspired pieces.

Sculpture inspired by Leonardo da Vinci’s career

In the field of sculpture, Leonardo actually planned a number of sculptures before his demise. Sadly, he was unable to action many of them into final sculptures.

Some of those inspired by his own drawings and designs included Gran Cavallo (Horse in Bronze), Il Cavallo (the American Horse), Vitruvian Man Wall Sculpture and the Annunciation.

Though he didn’t do many monuments, a number of sculptures inspired by his paintings and life are available in the markets. They include Mona Lisa Bronze Sculpture, the Last Supper Sculpture, and Da Vinci Bust Sculpture.

Gran Cavallo

In 1842, Leonardo was requested by the Duke of Milan to make a horse sculpture. The artwork was to honour the Duke’s father, and it was to be placed in front of the castle. Da Vinci managed to sketch the biggest ever horse sculpture that was supposed to be coated with bronze later on. His sketch plan was appreciated by the Duke, and he couldn’t wait to see the real thing. During this time, France was a threat to Italy and bronze was used in building canons employed in protecting Milan. This halted the sculpture work as bronze was limited, and the artefact could not be completed. There was fear throughout Milan and Leonardo could not wait to concentrate and complete the work.

Considering that the French military was dominant over Milan, he fled the city and went back to his hometown of Florence for refuge and he never got back to Milan to complete the piece. It took many years before anyone considered to complete the work. Centuries later after his demise, the sketches made by Leonardo surfaced and presented an opportunity for someone to pick from where he had left. An American pilot became inspired by Leonardo’s work and founded a nonprofit firm named after Leonardo to complete the sculpture.

In 1999, the effort of this organisation paid off and the biggest horse sculpture was unveiled in Milan. It was 24 ft high and cast in bronze and it got everyone surprised and impressed at the same time. A month later, the second sculpture was uncovered in Michigan. These two marked the revival of Da Vinci’s famous Gran Cavallo sculpture. Today, there are many pieces in major galleries and online stores. It is available in different sizes and from different countries.

Il Cavallo Sculpture

In 1506, Da Vinci made a sketch of horse sculpture, similar to the one he did in 1842 for the Duke of Milan. The horse sculpture named Il Cavallo was dedicated to Giacomo Trivalzo. However, the artwork never got much attention at the time. In making this monument, Leonardo faced two major challenges. One, he needed to work on the belly space of the horse. Space on the belly was supposed to be filled. Secondly, Leonardo wanted to occupy the rider’s space. The rider was to be designed separately and placed on the horse.

Following his demise, a number of sculptors have taken the challenge to deliver a complete sculpture based on Leonardo’s sketch and design. There are a few variations in design but the original details are maintained. Today, a number of sculptures are available in the memory of Leonardo. The statute is normally procured to present an artistic appeal to homes and social halls. The display of the masterpiece promotes creativity and inspiration in a place. The image is of great beauty and amazement to the procurer.

For those who are Da Vinci fans and to those who just appreciate art, the sculpture is highly rated by them and they consider it as one of the greatest sculptural work. With many designs available in the market from different nationalities, more enhanced sculptures of the design are expected each day. The art industry is growing and sculptors are getting inspired especially by pioneers such as Da Vinci. For this reason, the Il Cavallo is an expression of better things to come.

Vitruvian Man Wall Sculpture

This sculpture is of historic importance. The wall sculpture is cast in high-quality resin and stone finishing. Initially, the Vitruvian Man was sketched by Leonardo as a painting and sculpture. Due to the fame that the sculpture sketch and painting gained over years, more statutes have been made of it. The pieces are available in different designs and sizes. The finishing also varies based on the preference of the artist. The available options include wood carving, bronze, and stone.

The display of the wall sculpture is significantly historical. The design is a representation of the great art mastery by the Italian Leonardo. Today, many art enthusiasts rate this sculpture as one of the best historic statutes inspired by him. It is a representation of style and essence in the art field. The display of this historic piece gives the room an appeal of beauty and class.

The existence of different designs and sizes make it convenient to be placed in any room. It can be put in museums and homes to display class and enhance beautiful room presence. The painting is appealing to all class of art enthusiasts. The Vitruvian continues to amaze and astound many art fans. The hype to deliver more enhanced wall sculpture is high and the market can only expect more of the Leonardo inspired Vitruvian Wall statute.

The Annunciation Sculpture

This piece of work has a similar appearance to the original painting but it’s slightly different in the finishing. It’s made of high-quality resin with a glossy finishing. Accompanying the package is a colour card that is written in 4 different languages. The artwork just looks amazing considering the historic and biblical significance behind the idea. It is a display of the biblical story about the birth Christ. The message was announced by Angel Gabriel to Mary about her becoming the mother of Christ.

Biblically, the annunciation of the birth of Christ is symbolic. It signifies the possibility of human salvation. Christians celebrate the birth of Christ during Christmas each year and so such sculpture adds relevance to the occasion. The messenger who in this case is angel Gabriel is clearly sculptured to appeal the message of hope to the believers. The annunciation was met by disbelief initially from Mary and this is clearly expressed in the statute. For Christians around the globe, the sculpture is very important as it highlights descriptively the contents of the Bible.

The sculpture is also historically significant as it outlines a piece that was carefully designed and crafted. The appeal gives an understanding to the art fan of the actual historical event. The artefact is a wonderful piece to put in a home or social setting. It is also displayed in museums and churches as a constant reminder of hope of humanity. For those who find it hard to read the Bible, they get to look at the sculpture as a constant reminder of hope. The Da Vinci Annunciation sculpture is of great essence to the current art world and the future ones.

Da Vinci Bust Statue

This sculpture is specifically designed in reference to Da Vinci’s mastery of the art of painting. He was referred to as the Renaissance Man. The sculpture has a bronze finishing and the artwork measures about 9 inches high. It has a Bulgarian origin. The piece is an upper body image of Leonardo Da Vinci. It is designed to honour Da Vinci. Historically, the Italian art legend has been instrumental in the art industry. His famous paintings are a motivation to many artists.

Having a statute image of him is an illustration of the achievement that this great artist managed. The statute is well designed and crafted to appeal the message intended. With Da Vinci’s name engraved at the bottom of the statute, the piece is worth a purchase. The bust statute is available in different carvings such as bronze, wood, and stone. The nature of material design dictates the market price and the cost may vary from store to store depending on the nature of material, design, and size of the piece. The powerful stand makes it suitable for any platform ranging from homes to art galleries.

The Last Supper Sculpture

This sculpture is a motivation from Da Vinci’s famous painting, The Last Supper. The piece is an artistic expression of the events recorded in the Bible that involves Jesus and his disciples taking the last meal. This was before Christ’s eventual death sentencing. During the last supper, Jesus happens to reveal to his disciples that one of them will betray him. The sculpture gives a detailed artistic feel of the actual event. The artistic appeal is more illustrative of the actual biblical event.

The piece is most convenient for churches and homes. Even those who are not Christians get to procure it because of its historic and biblical essence. The piece not only displays creativity by the artist but also inspiration considering the reference of the work. Da Vinci’s level of creativity is evident in this particular piece and one would just agape at the wonderful sculpture. The painting can be procured for many reasons but what is peculiar is the level of creativity in the piece. Most of the pieces are from Germany. The sculpture is found in bronze, wood, and clay carvings.

Mona Lisa Bronze Sculpture

This is also inspired by Da Vinci’s famous painting Mona Lisa. Most of the pieces are from the US. The painting was done around 1503 and 1519, and it acts as an artistic reference to sculptures today. The statute gives a detailed feel of the original painting. It displays a partial body of a woman (Mona Lisa). There is so much artistic touch interpreted on the statute. Her smile is an expression of Da Vinci’s cosmic idea of linking humanity and nature. The bronze sculpture is mounted on a firm solid base and it measures 12 inches in length.

According to researchers, the woman on the sculpture is believed to be Lisa Gherardini. Many art enthusiasts rate this sculpture highly and the reason is that of its historic importance. The appeal of the statute is also illustrative of the message intended by the Da Vinci. The statute gives an alternative artistic feel to the painting. A dominant artistic presence develops when the sculpture is around. The ambiance surrounding the figure is very inspirational from the artist’s point of view.

http://www.leonardo-da-vinci.net/sculptures/

Annunci

L’alchimista

3631170_246471.jpg

Descrizione

L’Alchimista” è la storia di una iniziazione. Ne è protagonista Santiago, un giovane pastorello andaluso il quale, alla ricerca di un tesoro sognato, intraprende quel viaggio avventuroso, insieme reale e simbolico che lo porterà fino all’Egitto delle Piramidi. E sarà proprio durante il viaggio che il giovane, grazie all’incontro con il vecchio Alchimista, salirà tutti i gradini della scala sapienziale: nella sua progressione sulla sabbia del deserto e, insieme, nella conoscenza di sé, scoprirà l’Anima del Mondo, l’Amore e il Linguaggio Universale, imparerà a parlare al sole e al vento e infine compirà la sua Leggenda Personale.

https://www.lafeltrinelli.it/libri/paulo-coelho/l-alchimista-ediz-speciale/9788845269110

Vikings Season 6: Bloody & Worn Out Photo Of Lagertha Confirms Return Of Character

We may not have seen last of Lagertha, yet. Actress Katheryn Winnick confirmed that Lagertha will be back in History Channel’s Vikings Season 6.

Vikings Season 5 wrapped up its finale with major cliffhangers. The fan-favorite character Queen of Kattegat is captured by Ivar the Boneless at the end of the war. The final few moments left fans wondering whether she will make it through to the next season or not. While her fate remains uncertain it looked like that Lagertha wouldn’t be returning in Season 6.

Today, Winnick shared a photo of her character with the caption that confirmed Lagertha is not dead yet. The photo shows war-ravaged Lagertha and it is captioned “the first glimpse of Lagertha in season 6.” Scroll down to view the post.

In addition, Lagertha fans were panicked when news about Katheryn Winnick making her directorial debut spread. Recently, it was revealed that Winnick will take up the new role on the show, as the director. Fans thought that might mean the end of the character’s story on the series.

According to Business Standard, she will be directing one episode of the series and she is reportedly very excited about it. The actress who is known for her iconic character in the series has been preparing for her directorial debut for a while.

I’ve been preparing for about a year,” Winnick told the abovementioned publication. “Being on set every day, I am learning from and working with the crew, the incredible talent, and with various heads of departments. Having been on the show as an actor for so long, I have had a chance to observe all on a more intimate level and that has helped prepare me for directing,”

Meanwhile, Winnick revealed that she has been shadowing Canadian director Helen Shaver and learning how things work behind the camera.

Vikings is currently on hiatus and will return to television for it’s the remaining Season 5 episodes later this year. The promo of episode 11 teased Lagertha’s death in the hands of Ivar but it looks like that event would be stopped, perhaps by Rollo? Be sure to visit Pursue News for more updates.

Source: Katheryn Winnick

https://pursuenews.com/

 

Soul

ANIMA FIAMMA GEMELLA, COME E QUANDO RICONOSCERLA?

Un altro punto di vista sulle Anime Gemelle, argomento molto seguito e discusso, ognuno può portare il suo contributo di conoscenza ed esperienza ma come tutto ciò che giunge da questa dimensione duale, a mio avviso, la verità non la possiede nessuno.

Se consideriamo l’anima gemella dal punto di vista spirituale/energetico dovremmo fare innanzitutto un esercizio preliminare: dovremmo svuotare il nostro cervello da tutti i modelli suggeriti dai romanzi e dai film riguardo all’anima gemella.
Naturalmente non sto dicendo che il romanticismo, la dolcezza, la tenerezza, il sentimento ecc non siano importanti.. ma affermo che sono aspetti che si possono vivere con chiunque si ami… dico che questi aspetti non sono la caratteristica fondamentale della relazione con un’anima gemella, coma ci hanno addestrato a credere fin da bambini da generazioni.

  1. Cos’è un’ anima?
    In sintesi ed in modo molto semplicistico è un corpo di Luce (di energia), superiore (cioè che vibra ad una frequenza più alta) a quello mentale, emozionale e fisico.
    E’ una conformazione energetica multi dimensionale (come lo sono anche i corpi mentale ed emozionale) che trascende lo spazio ed il tempo per come lo percepiamo ordinariamente.
    A cosa serve l’anima?
    Serve solo per le incarnazioni nella terza dimensione come la terra.
    E’ un involucro (chiamato anche corpo di luce) che serve a creare un campo contestuale di spazio/tempo per la nostra coscienza del Sé superiore (quello che Gesù chiamava padre, ma che in realtà è padre/madre) affinché possa vivere l’esperienza in una matrice olografica che dia l’esperienza di un qui ed un là nello spazio e di un tempo prima ed un dopo.
    L’anima fa anche da “registratore” dell’esperienza che fa la coscienza in un corpo umano, l’acquisizione di informazioni avviene tramite gli impulsi energetici dei sentimenti e delle emozioni (associate ai relativi pensieri).
    Dal punto di vista umano potremmo dire che l’anima serve per far si che il nostro Sé superiore possa individualizzarsi (in realtà aver l’impressione di individualizzarsi).
  2. Perché dovrebbe il Sé individualizzarsi?
    Dal punto di vista evolutivo lo fa per far esperienza (illusoria) della non-unità per poi apprezzare e conoscere meglio il senso naturale dell’unità. In un certo senso il Sé fa una specie di Sogno in cui una parte di se stesso, attraverso il corpo umano, crede che il mondo in cui vive sia reale, comunque l’esperienza che fa e che sente è reale (come accade per il corpo fisico che vive realmente le sensazioni provate durante sogni che facciamo la notte).
    Dal punto di vista tecnico il motivo del perchè il nostro Sé superiore si individualizza è che, siccome possiede una frequenza ed un potenziale energetico (Luce e Amore) altissimi, se vivificasse direttamente un corpo umano di terza dimensione (che ha una frequenza bassissima) lo farebbe esplodere.. è come se volessimo mettere una corrente di 3800 volt in un rasoio elettrico!
  3. Come fa il Sé superiore ad individualizzarsi?
    Non potendo entrare in un solo corpo umano, e siccome l’energia non può essere distrutta o eliminata, allora s’incarna in più corpi umani, questo meccanismo fa automaticamente anche da “abbassatore” di frequenza” senza danneggiare il sistema nervoso dell’organismo umano
  4. Come si incarna il Sé?
    Partiamo dal presupposto che il Sé, la coscienza, l’energia, non è né femminile né maschile, oppure, se vi piace di più, è sia maschile che femminile.
    I corpi umani invece sono polarizzati in maschili e femminili, quindi il Sé per mantenere l’equilibrio energetico s’incarna nello stesso numero di corpi femminili che maschili attraverso le rispettive anime che, per mantenere a loro volta l’equilibrio energetico rispetto al corpo, si polarizzano con una carica opposta al genere fisico (come dire che, a livello energetico, i maschi hanno una “donna interiore” e le donne un “uomo interiore”).
  5. Cosa è in realtà la Fiamma Gemella?
    E’ la parte di coscienza del nostro Sé superiore che si è incarnata in un altro corpo per mantenere l’equilibrio energetico, abbassare le frequenze del Sé e sperimentare l’esperienza/gioco dell’unità che si divide e che ritorna all’unità (se volete sapere perché fare una cosa che poi ti riporta comunque al punto di partenza leggete “L’Alchimista” di Paulo Coelho).
  6. In quanti corpi si incarna il Sé?
    E qui viene la bella notizia.
    Pensavate di avere una Fiamma Gemella per ognuno?
    E invece ognuno di noi ne ha 11.
    Il Sé si divide in 6 corpi maschili e 6 femminili più o meno nello stesso luogo (questo pianeta in questa dimensione) e più o meno nello stesso tempo (con una differenza di età che può arrivare anche fino ai 50 anni ma in casi di più di 20 anni circa di differenza di età il Sé evita di incarnarsi nella stessa famiglia per evitare la confusione psicologica dovuta al forte senso di unità con un altro essere).
    Ma non basterebbero 12 Fiamme Gemelle che si incarnano in 12 corpi per umani per far fluire l’immensa l’energia del nostro Sé, quindi sembra che altri 12 incarnazioni canalizzano il nostro Sé in altre 11 dimensioni parallele; e forse anche molte di più, ma questa è un’altra storia. Non fissatevi sui numeri, focalizzatevi sul principio e sul movimento energetico.
  7. Cosa accade quando due Fiamme Gemelle s’incontrano?
    Immaginate se tutte le Fiamme Gemelle si dovessero incontrare fisicamente, creerebbero la stessa energia del Sé superiore: avrebbero la stessa Luce, la stessa Forza, lo stesso Amore, la stessa Saggezza, mai in diversi corpi umani.
    Quando invece se ne incontra solo una (maschile o femminile non ha importanza) quello che accade è che a livello di coscienza ed a livello energetico avviene una parziale riunificazione, un aumento della frequenza, un passo verso “Casa”, e quindi ci si avvicina ad uno stato di pacifica estasi, di tranquillità, di armonia ed equilibrio. Esattamente tutto il contrario che da lo stato di innamoramento perché di fatto l’incontro con un Fiamma Gemella rappresenta a livello interiore una piccola illuminazione naturale, poiché tende allo stato interiore ed esteriore degli esseri che chiamiamo illuminati o realizzati.
    Questo aumento coscienza, di consapevolezza, di Amore incondizionato, di forza interiore, di pace infinita può essere sostenuto solamente da persone che hanno fatto un qualsiasi percorso (anche autonomo) di risveglio della propria coscienza e sanno gestire e trascendere, in buona parte, gli impulsi, gli istinti, le emotività ed i pensieri limitati. In caso che anche solo una delle due Fiamme Gemelle non abbia queste abilità, la relazione diventa impossibile mettendo a dura prova il sistema nervoso e forzare una relazione di questo tipo può portare anche alla malattia o addirittura alla morte di uno dei due.
    Tanto per fare un esempio semplicistico di cosa accade: immaginate la persona che più avete amato in vita vostra; ora ricordate quanto gelosi e possessivi eravate. Ora considerate che se non avete superato la paura dell’abbandono che genera il bisogno di non sentirsi soli, il senso d’inferiorità che genera la gelosia e l’egoicità che genera la possessività se aveste una relazione con una Fiamma Gemella sentireste 1000 volte più dolore dovuto alla sua mancanza, alla gelosia ed alla possessività. Credetemi non riuscireste neppure a stare in piedi dal dolore se vi mancasse per più di 5 minuti.
    Ma, se avete consapevolizzato in voi che l’Amore esiste solo come atto disinteressato ed incondizionato verso il prossimo;se avete realizzato che il vero Amore è dono, libertà, sostegno e stimolo, potreste riuscire a sostenere una relazione (di amicizia di lavoro, intima ecc.) con almeno una vostra Fiamma Gemella.
  • Come riconoscere una Fiamma gemella?
    Da quello che vi ho appena descritto dovrebbe essere facile riconoscerla. In sua presenza, ma anche solo al pensiero che esiste, vi dovrebbe dare:
  • senso di completezza
  • senso di essere arrivati ad un traguardo e di potersi riposare
  • pace emotiva e nei pensieri
  • pensieri creativi ed aperti
  • sentimenti di amore e compassione verso tutto e tutti
  • cessazione di desideri e bisogni
  • forte aspirazione ad essere al servizio della famiglia umana e del miglioramento della vita sul pianeta
  • considerevole aumento dell’energia vitale e della circolazione
  • tendenza di vedere al di là delle apparenze e della superficialità
  • sistema immunitario ed energetico rafforzato
  • capacità di assimilare molti nutrienti da pochi alimenti
  • tendenza a vedere le cose sotto una luce più leggera ed amorevole
  • capacità di pensare più velocemente e con maggior chiarezza e precisione,
  • spontanea capacità di portare beneficio agli altri anche solo con la vostra presenza

Quando, sotto tutti gli aspetti, 1 + 1 fa 3, e non come l’innamoramento, in cui metà mela (cioè un essere umano incompleto)) + un’altra metà incompleta fanno almeno una persona (mela) in due (l’innamoramento è sempre verso un’anima compagna e non gemella ed è prezioso perché serve comunque ad evolvere e a maturare la coscienza umana per sostenere, forse, in futuro la presenza di una Fiamma Gemella).

  • Quando le Fiamme Gemelle si incontrano in un corpo umano?
    Quando sono abbastanza mature dal punto di vista umano tanto da sostenere la grande energia a disposizione e quindi dopo essere andati oltre, almeno in buona parte, alle primitive dinamiche emotive e relazionali che vivono comunemente gli occidentali ed avere fermamente orientato tutta la propria vita verso valori spirituali (per spirituali non intendo religiosi, intendo visione interiore, profondità, riflessione, saggezza, equilibrio, perseguimento del bene collettivo, preservazione della natura, spirito di riunificazione, di riconciliazione, di pace e di unità tra tutto e tutti).
    Raramente però accade che ci si incontri per un attimo, ad esempio su due treni diversi che vanno in direzioni contrapposte. Per un attimo ci si vede…e.. zac!
    Questo è una specie di bonus spirituale. Serve a ricordavi che c’è molto di più a cui aspirare come relazione e unificazione con un altro essere umano.

 

  • Per quale motivo si riuniscono le Fiamma Gemelle?
    Per Essere una Luce per il mondo, che, in questi tempi critici per l’umanità e per il pianeta, significa SOLO per far servizio all’umanità ed alla Madre Terra!
    Certo che si possono fare romantiche cenette a lume di candela o anche perché no giocare agli innamorati, nel caso è una scelta consapevole,ma non è questo il motivo e neppure la priorità in questo tempo di un una coscienza superiore che si riunifica attraverso più corpi sulla Terra.
    Sappiate che la maggior parte di quelle che conosco hanno scelto consapevolmente di non avere una relazione di “coppia” perché ognuno, in posti diversi, vale comunque per due e, per quanto sia sempre piacevole e sacro il rapporto umano, per le Fiamme Gemelle è sufficiente anche solo l’unione energetico/spirituale.

 

  • Come entrare nel processo di riunificazione con le proprie Fiamme Gemelle?
    Come diceva Ghandi: siate quello che volete vedere nel mondo. Incarnate voi subito il modello che vorreste avere accanto! Se volete accanto una regina comportatevi da re e viceversa. Impeccabilità, fermezza, purezza, verità, Amore, maturità, saggezza sono il richiamo ed il segnale per la vostra Fiamma Gemella.
    Ma è anche fondamentale, conoscere, risvegliare e riunificarsi prima con la propria parte femminile, per gli uomini, e maschile per le donne.
    Questo veniva chiamato matrimonio mistico nelle scuole misteriche.
    Altra cosa molto importante, per poter sostenere una relazione cosi totale ed infinita sotto tutti gli aspetti, è fare un serio e profondo lavoro di crescita interiore. Che sia più psicologico o spirituale non ha molta importanza, basta che eliminate più possibile tutte le emozioni distruttive (odio, paura, invidia, rabbia, gelosia, possessività, attaccamenti, bisogni, desideri, pulsioni incontrollabili, dipendente da chiunque o da qualsiasi cosa ecc.) e i pensieri limitanti (tutti i dogmi, tabù, morali, divieti, obblighi, condizionamenti, sensi del dovere, ecc.). In sintesi tutto ciò che non vi permette di essere completamente liberi nella mente, nel corpo, nei sentimenti e nello spirito.

 

  • In conclusione chi sono le nostre Fiamme Gemelle?
    Abbiamo detto che (in questa dimensione e su questo pianeta) il Sé si divide in 12 anime connesse a 12 corpi, ma sappiate che a sua volta il nostro Sé superiore è uno dei 12 Se in cui si divide la cosiddetta Monade.
    Quindi ad un primo livello avremmo 11 anime gemelle (derivanti dal Sé superiore), ma se ci eleviamo spiritualmente ancora un po’ di più di ciò che servirebbe per sostenere la relazione con una Fiamma Gemella, allora potremmo avere altre 143 Fiamme Gemelle (12 Fiamme Gemelle X 12 Sé Superiore che fanno tutti riferimento alla stessa Monade).
    Ma la cosa potrebbe andare avanti perché ogni Monade è una parte di una coscienza ancora superiore (cioè più totale e con una frequenza più alta), e via così all’infinito in modo frattalico.
    Allora è vero che, a seconda della nostra maturità umana e spirituale, le nostre Fiamme Gemelle potremmo non incontrarle mai; oppure tutti gli esseri umani potrebbero essere tutti le nostre Fiamme Gemelle.

Fin tanto che l’essere umano è più o meno un bipede leggermente più intellettuale degli animali, le Fiamme Gemelle sono solo un mito. Quando si inizia ad evolvere in coscienza, consapevolezza ed amore iniziano ad apparire. Una, due, tre; dipende da voi.

Dipende da voi se volete continuare a vivere relazioni e rapporti umani più o meno ordinari, con più o meno le solite dinamiche, che sapete benissimo che, prima o poi, si esauriranno; o che vi racconterete che siano anime gemelle perché in realtà siete innamorati delle sensazioni e della chimica che produce l’innamorarsi, e non delle persone, e arrivare alla fine del soggiorno sulla Terra. Come? Con chi?

Oppure decidete di vivere il Sogno, di diventare la Magia della vostra vita.
Di fare una salto quantico nella Tana del Bianconiglio, e vivere nel Paese delle Meraviglie 🙂.

 

Fonte: Stefano Senni
www.stefanoshanty.it
https://www.facebook.com/stefanoshanty/

Ringraziamo Stefano Senni per la gentile concessione a pubblicare il suo articolo.

Fonte immagine: http://powerfullovingrelationships.com/

L’occhio del fotografo

C’è una cosa però che ti voglio dire:   se quando la mattina ti alzi, ti fai la barba e non senti il rasoio che ti tira le pelle, non ti accorgi della schiuma che ti allarga i pori della pelle; se trangugi un caffè o un cappuccino senza accorgerti di che profumo ha, se ha un sapore particolare, se ti piace più il caffè che ti prepara Giorgio, di quello che prepara Gino; se quando esci di casa non ti accorgi che il cielo è di una sfumatura di azzurro che mai avevi visto prima, se non vedi che ci sono meno rondini dell’anno precedente; se quando entri in auto non ti accorgi della pressione della tua schiena contro il sedile, se non senti il volante sotto le mani; se quando incontri una persona non ti accorgi se ti ha sorriso, se ti ha dato un saluto indifferente, se era triste oppure felice; se quando vai a pranzo non ti ricordi se hai mangiato un’insalata condita con l’aceto o con il limone…. beh, allora non c’è molto da fare, l’occhio fotografico non credo spunterà mai.

1403365_10201076305731334_746874390_o

Sai perchè ti ho fatto questo discorso?

Perchè la fotografia è solo una grandissima, immensa, devastante, sconfinata espressione della sensibilità, dell’amore per il mondo e la vita, della voglia di “sentire” (ma con tutti i sensi che abbiamo a disposizione stirati a carpire ogni singolo evento fino a farci male), della capacità di emozionarci anche di fronte alle piccole cose della vita, di fermarci un attimo a guardare quei gesti sui quali nessuno si sofferma, sulla luce che nessuno si accorge ci accarezza, sulle forme che molti sottovalutano in quanti modi si sanno trasformare, sul guizzo di un istante che è vivo ed è reale solo in quel preciso istante temporale e che dopo un secondo già non esiste più.

Se sei capace di “sentire”, “vedere”, “assaggiare”, “annusare”, “toccare” quello che il mondo ti offre nella sua più intima essenza, allora quell’occhio fotografico che così tanto ti pare misterioso, emergerà fuori, e lo farà con prepotenza, perchè sarà l’espressione della tua carica vitale, della tua passione, della tua sensibilità.

Certo, è un occhio che si allena, che può migliorare, ma se si è ciechi dalla nascita non si potrà mai vedere.

Se ti fermi un attimo a “sentire” il mondo, egli entrerà dentro di te, e ti mostrerà, in un solo istante, tutto quello, che fino a quel momento, avevi solo immaginato dentro i sogni di fanciullo.

Non basta “saper vedere”.

Se quando dopo ci accorgiamo che quello che abbiamo visto non è venuto fuori proprio come lo abbiamo sentito è solo perchè non abbiamo avuto i mezzi tecnici per realizzarlo.

https://www.facebook.com/notes/giovanna-griffo-camera-raw-expert-creative-landscape/cos%C3%A8-locchio-fotografico/149840465094296/

https://www.facebook.com/mirko.de.maio

https://500px.com/midema

 

The magic of snow

Non esiste un solo fiocco di neve uguale all’altro. Wilson Bentley amava fotografarli e li chiamava “snow blossoms” (fiori di neve) o  “miracles of little beauty” (miracoli di piccola bellezza). Kenneth G. Libbrecht, un ricercatore del California Institute for Technology, ha invece studiato la nascita, le strutture e la formazione dei fiocchi di neve. La parte più interessante del suo lavoro è la Guida ai fiocchi di neve, un archivio online che mostra tutte le tipologie che esistono in natura.

In omaggio alla bellezza dei loro lavori, presento qui di seguito la più ampia raccolta in lingua italiana di frasi, citazioni e aforismi sulla neve. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla purezzaFrasi, citazioni e aforismi sul ghiaccio e Frasi, citazioni e aforismi sull’inverno.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla neve

neve_snow_neige

La neve e il suo magnifico silenzio. Non ce n’è un altro che valga il nome di silenzio, oltre quello della neve sul tetto e sulla terra.
(Erri De Luca)

Nevicata. La metamorfosi del mondo avviene in silenzio.
(Heinrich Wiesner)

La neve cade, la neve cade,
come se non cadessero i fiocchi,
ma in un mantello rattoppato
scendesse a terra la volta celeste.
(Boris Pasternak)

Quando si descrive la neve, si dovrebbe cominciare dalle risate dei bambini
(Fabrizio Caramagna)

Mi chiedo se la neve ama gli alberi e campi, che li bacia così dolcemente. E li copre come con una morbida trapunta bianca; e forse dice “Andate a dormire, cari, finché non arriva l’estate di nuovo.”
(Lewis Carrol, Alice nel paese delle meraviglie)

La prima neve è scesa frivola, sulla terra fredda, è venuta in avanscoperta, non è rimasta, è ripartita leggera, tre piccoli giri, due passi di danza, la neve è una bambina.
(Christian Bobin)

Ogni persona doveva avere un suo fiocco di neve in cui c’era una mappa interna della sua vita.
(Orhan Pamuk)

E’ scesa la neve
a visitare la valle.
Giunge senza rumore.
Così scendono i sogni.
Guardiamola scendere.
Ha dita così dolci,
così lievi e sottili,
che sfiorano senza toccare.
(Gabriela Mistral)

Della neve rimpiango la discrezione. Faceva tutto in una notte e, al mattino, la trovavi in giardino con alberi, tetti e strade arredate.
(iBluelady, Twitter)

Nevica.
Ed è tutto così, lento, sinuoso, elegante, delicato, soffice, così. Lindo.
(followfabrizio, Twitter)

Amo la neve. Amo soprattutto la neve che accade quando meno te lo aspetti. Ci si sente come dentro un segreto.
(Fabrizio Caramagna)

La neve possiede cinque caratteristiche principali.
È bianca. Dunque è una poesia. Una poesia di una grande purezza.
Congela la natura e la protegge. Dunque è una vernice. La più delicata vernice dell’inverno.
Si trasforma continuamente. Dunque è una calligrafia. Ci sono diecimila modi per scrivere la parola neve.
È sdrucciolevole. Dunque è una danza. Sulla neve ogni uomo può credersi funambolo.
Si muta in acqua. Dunque è una musica. In primavera trasforma fiumi e torrenti in sinfonie di note bianche.
(Maxence Fermine)

Dovremmo imparare dalla neve a entrare nella vita degli altri con quella grazia e quella capacità di stendere un velo di bellezza sulle cose
(Don Cristiano Mauri)

Quando ne parlò al padre, questi vi trovò solo aspetti negativi, come se la strana passione del figlio per la neve gli rendesse l’inverno ancor più ostile.
“È bianca; pertanto è invisibile e non merita di essere.
Congela la natura e la protegge; la superba, chi si crede d’essere per pretendere di rendere statua il mondo?
Si trasforma continuamente; pertanto è infida.
È sdrucciolevole; chi mai può provare piacere a cadere sulla neve?
Si muta in acqua; lo fa per meglio inondarci durante il disgelo.”
(Maxence Fermine)

Le pietre dormono sotto la neve con sogni verdi nel cuore.
(Olav H. Hauge)

Fiocchi di neve – luce fiorita.
(Vasile Ponea)

Della neve mi piace che lo sa di essere bellissima. Fa scendere i fiocchi piano piano e li puoi seguire con lo sguardo fino a quando non si posano.
È come una donna: sa bene come fare per farsi guardare.
(Claudia Camillo)

Quando si avvicinava l’inverno – Filippo andava a stare in montagna e aspettava la neve. La neve è strana come dovrebbero essere sempre strane tutte le ragazze dei primi appuntamenti d’amore, e alle volte cadeva puntuale al suo arrivo, altre volte si faceva aspettare per giorni e giorni.
(Goffredo Parise)

Distesa sul divano, con le mani tra le ginocchia, Mariam fissava i mulinelli di neve che turbinavano fuori dalla finestra.
Una volta Nana le aveva detto che ogni fiocco di neve era il sospiro di una donna infelice da qualche parte del mondo. Che tutti i sospiri che si elevavano al cielo si raccoglievano a formare le nubi, e poi si spezzavano in minuti frantumi, cadendo silenziosamente sulla gente.
“A ricordo di come soffrono le donne come noi” aveva detto. “Di come sopportiamo in silenzio tutto ciò che ci cade addosso”.
(Khaled Hosseini)

Senti la neve contro i vetri della finestra, micino? Ha un suono così bello e delicato! Proprio come se qualcuno di fuori coprisse di baci tutta la finestra! Forse la neve ama gli alberi e i campi, se li bacia con tanta gentilezza!
(Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie)

Aveva quasi smesso di nevicare. La sera era nitida come un disegno a carboncino.
(Boris Pasternak)

Alcuni fiocchi si sono smarriti, brancolano indietro verso il cielo:
Incontrando quelli che cadano in lente volute, si volgono e ridiscendono.
(Thomas Hardy)

Era una notte di luna piena. Ci si vedeva come in pieno giorno. Un esercito di nuvole soffici come fiocchi venne a mascherare il cielo. Erano migliaia di guerrieri bianchi che si impadronivano del cielo. Era l’esercito della neve.
(Maxence Fermine)

Quando la neve cade, la natura ascolta.
(Antoinette van Kleeff)

La luce della neve spegne in noi tutta l’umana ingordigia
(Elena Anahva)

Una palla di neve in faccia è sicuramente l’inizio perfetto per un’amicizia duratura.
(Markus Zusak)

E se i fiocchi di neve fossero delle bianche buste contenenti messaggi invisibili, lettere di corrispondenza che le fate mandano ai bambini?
(Fabrizio Caramagna)

E si amarono l’un l’altro sospesi
su un filo di neve.
(Maxence Fermine)

Wow, ha davvero nevicato stanotte! Non è fantastico? Tutto ciò che era familiare è scomparso e il mondo sembra nuovo di zecca! Un nuovo anno… un nuovo inizio! E’ come avere una gigantesca pagina bianca su cui disegnare. Un giorno pieno di possibilità! E’ come un magico mondo, Hobbes, vecchio amico mio… andiamo ad esplorarlo!
(Bill Watterson)

La prima nevicata non è solo un evento, è un evento magico. Si va a letto in una specie di mondo e ci si sveglia in un altro del tutto diverso, e se questo non è incanto allora ditemi voi in quale altro luogo posso trovarlo.
(JB Priestley)

La neve è una poesia. Una poesia che cade dalle nuvole in fiocchi bianchi e
leggeri.
Questa poesia arriva dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio.
Ha un nome. Un nome di un candore smagliante.
Neve.
(Maxence Fermine)

Amo la neve per la stessa ragione per cui amo il Natale: unisce le persone, mentre il tempo si ferma. Le coppie che si tengono per mano serpeggiano pigramente per le strade e bambini tirano le slitte e si inseguono con le palle di neve. Nessuno sembra essere in corsa per sperimentare qualcosa di diverso dalla gloria del giorno.
(Rachel Cohn)

La neve che cade in silenzio nel bel mezzo della notte sempre riempire il mio cuore con una dolce chiarezza.
(Novala Takemoto)

“Yuko, hai trovato la tua strada?”
Il giovane si inginocchiò e disse:
“Meglio ancora, padre. Ho trovato la neve.”
(Maxence Fermine)

Nient’altro che del bianco a cui badare.
(Arthur Rimbaud)

Le due cose più belle, l’amore e la neve, che fanno sì che si guardi il mondo con occhi di nuovi puri.
(Charles Finch)

Il tempo è come un fiocco di neve scompare mentre cerchiamo di decidere cosa farne.
(Romano Battaglia)

La neve pose una tovaglia silenziosa su tutto. Non si sente se non ciò che accade dentro casa. Mi avvolgo in una coperta e non penso neppure a pensare. Sento un piacere d’animale e vagamente penso, e m’addormento senza minor utilità di tutte le azioni del mondo.
(Fernando Pessoa)

Il cielo è basso, le nuvole a mezz’aria,
un fiocco di neve vagabondo
fra scavalcare una tettoia o una viottola
non sa decidersi.
(Emily Dickinson)

Ha nevicato anche l’anno scorso: ho fatto un pupazzo di neve e mio fratello l’ha buttato giù e io ho buttato giù mio fratello e poi abbiamo preso il the insieme.
(Dylan Thomas)

Era
timidamente festosa
era
fittissimamente di sé sicura.
Giacque
in terra
sui tetti
e stupì tutti
con la sua bianchezza.
(Evgeni Evtusenko)

La neve era troppo leggera per restare, il terreno troppo caldo per tenerla. E la strana neve primaverile cadeva solo in quel momento dorato dell’alba, quando la pagina gira tra la notte e il giorno.
(Shannon Hale)

La neve sull’acqua: il silenzio sul silenzio.
(Jules Renard)

Forse è un peccato anche questo?
Non sono stato un buon ospite per il primo fiocco di neve che si è depositato sulla mia mano e si è subito sciolto.
(Fabrizio Caramagna)

Su questa landa innevata
Morte ci fa
Buddha di neve.
(Chôsui)

Anche nei nostri sogni nevica, ma una sola volta nella vita.
(Orhan Pamuk)

Grazie per la neve che sta scendendo. Mi è sempre piaciuta, ma adesso mi sembra proprio puntuale. Tempestiva. Porta pulizia. Porta bianco. Costringe all’attenzione. Ai tempi lunghi. Lima rumori e colori. Lima le bave dei sensi. Ce n’è bisogno. Ancora per un po’.
(da La neve se ne frega di Luciano Ligabue)

Centomila gavette vuote di cibo, colme di ghiaccio, costellavano la neve e segnavano la sorte dei combattenti imprigionati nella sacca presso il Don.
(Giulio Bedeschi)

Questa neve violenta
ostinata e diagonale.
cade fortissima.
mi viene da pensare:
è una neve da romanzo di Puškin
è una neve da versi di Chlebnikov
è una nevicata russa, originale.
cade fortissima.
mi viene da pensare:
sarebbe bello se tu fossi un husky
portarti a spasso, nella neve, a giocare
portarti a spasso per tutta la città
metterti il guinzaglio, per l’eternità.
(Francesca Genti)

Lo specchio è chiaro
e terso
tra i fiori di neve.
(Basho)

Quando nevica, con che delicatezza il cielo prende il grande viavai del mondo e lo mette dentro una bolla silenziosa.
(Fabrizio Caramagna)

C’è solo qualcosa di bello nel camminare sulla neve che nessun altro ha calpestato. Ti fa credere che sei speciale, anche se sai che non lo sei.
(Carol Rifka Brunt)

Prima di amare impara a camminare sulla neve senza lasciare traccia.
(Proverbio turco)

La neve possiede questo segreto di ridare al cuore un alito di gioia infantile che gli anni gli hanno impietosamente strappato.
(Antonine Maillet)

Che cos’è la neve? Un po’ di freddo, molta infanzia.
La presenza pura.
(Christian Bobin)

Capovolgerò questa giornata, solo per vedere se scende la neve
(wzgore, Twitter)

Non desidero una rosa a Natale più di quanto possa desiderar la neve a maggio: d’ogni cosa mi piace che maturi quand’è la sua stagione.
(William Shakespeare)

Diceva un foglio bianco come la neve: Sono stato creato puro, e voglio rimanere così per sempre. Preferirei essere bruciato e finire in cenere che essere preda delle tenebre e venir toccato da ciò che è impuro”.
(Khalil Gibran)

«Attorno alla parola si addensa la neve» (Celan), quella bianca come il foglio, quella che non viene in inverno e non si lascia spalar via, quella di sempre: «la neve del taciuto».
(Giuseppe Zuccarino)

Potrei leggere il desiderio d’eternità perfino negli occhi di un pupazzo di neve.
(Valeriu Butulescu).

Siamo una palla di neve che non sa quanti fiocchi di eternità contiene in ogni momento dentro di sé
(Sorin Cerin)

Anno nevoso, anno fruttuoso
(Proverbio)

http://aforisticamente.com/2014/10/07/frasi-citazioni-e-aforismi-sulla-neve/

Annunci